1860: Michele Michaeli - "Memorie storiche della città di Rieti"

Nel 1860 Il Dottor Michele Michaeli nelle sue "Memorie istoriche della città di Rieti e dei paesi circostanti" scriveva:

"249-251: diffondendosi poi il cristianesimo nelle città e nelle campagne durante il terzo secolo, e facendo da esso vieppiù contrasto i fautori dell'antico culto, questa lotta durava ancor viva in Rieti e nella Sabina, come accennano i racconti relativi alla persecuzione dei cristiani sotto Decio. Durante il breve impero di questo, Anatolia ed Audace patirono il martirio presso il luogo, ove era stata la vetusta Thiora, cioè fra gli odierni castelli di Torano e di S. Anatolia e sul declive del monte Velino, presso il laghetto perenne da quella montagna denominato [Il luogo fu indicato con precisione dal Marini (Memorie di S. Barbara, p.177). Vedi pure il Fatteschi, Mem. del ducato di Spoleto, p.144, 226. La designazione 'Ad lacum Velinum' che si legge negli atti dei martiri Anatolia ed Audace (Bolland., Acta SS., IX julii, tom. II, p.671) aveva indotto in errore gli eruditi, tra i quali l'anonimo autore della tab. Chorogh. in Muratori (Rer. Ital. script. X, pag. 256), che indica Thiora presso il lago Velino, ora detto di Piedilugo]