Perseo, l'ultimo re di Macedonia

La tomba monumentale dell'ultimo re macedone si trova lungo l'attuale Strada Regionale 578 (via Cicolana) tra Magliano dei Marsi e Cappelle al km. 60 circa.

Fotografia tratta da wikipedia

Perseo l'ultimo re di Macedonia

Perseo, figlio di Filippo V il Macedone (213 a.C. – 166 a.C.), ultimo re di Macedonia dal 179 a.C. al 168 a.C.

Perseo cercò, durante il suo regno, di ricostruire il prestigio della monarchia macedone ai danni di Roma, tentando di ripristinare l'alleanza con gli Achei, con Rodi e i Seleucidi, sebbene durante la fase iniziale del suo regno egli chiese di rinnovare l' amicitia che legava la Macedonia a Roma stipulata da suo padre Filippo V. Dopo aver soggiogato la regione della Dolopia, respinse gli assalti delle tribù di traci e cercò di rafforzare la propria posizione interna con una oculata politica matrimoniale, sposando la figlia del re di Siria Seleuco IV Filopatore e dando in moglie sua sorella a Prusia II di Bitinia.

In maniera molto spregiudicata, per guadagnarsi il favore popolare, Perseo decise di indire una amnistia che richiamasse in patria tutti gli esiliati per insolvenza e per crimini contro la corona macedone, con lo scopo di pubblicizzare al massimo questo evento, Perseo volle che i nomi dei beneficiari di questa iniziativa venissero posti davanti ai santuari di Apollo presso Delfi e Delo· Le sue scelte politiche furono ben presto premiate quando, nell'estate del 178 a.C. la ricostituita anfizionia di Delfi si dimostrò favorevole al re macedone.

I sospetti da parte romana contro il tentativo da parte di Perseo di ricostituire l'antico prestigio macedone, divennero più forti a partire dal 175 a.C., quando, come ci narra Tito Livio (XLI, 19) una delegazione proveniente dal regno dei Dardani accusò Perseo di essere il fomentatore dei recenti attacchi da parte della popolazione sarmata dei Bastarni. Una delegazione romana, guidata dal console Lucio Postumio Albino, fu inviata per investigare e, sebbene Perseo avesse nel frattempo inviato degli emissari per perorare la sua innocenza di fronte al Senato romano, tuttavia venne da quest'ultimo ritenuto implicitamente colpevole.

Questi movimenti preoccuparono il sovrano di Pergamo Eumene II che chiese l'intervento dei Romani. Secondo il racconto di Tito Livio, fu il nobile brindisino Lucio Ramnio che mise in guardia il Senato delle manovre di Perseo, il quale incautamente gli aveva confidato le sue trame. Nel 171 a.C. scoppiò così la terza guerra macedonica (171 a.C. - 168 a.C.), decisa dalla battaglia campale di Pidna (Tessaglia) tra l'esercito macedone e quello romano. Lo scontro fu vinto dai Romani, che lasciarono sul campo 20˙000 cadaveri macedoni.

La monarchia macedone venne quindi abolita, Perseo detronizzato e la regione divisa in quattro repubbliche autonome. Solo nel 148 a.C., a seguito di una rivolta, la Macedonia fu ridotta definitivamente a provincia romana. Secondo la testimonianza degli storici antichi (Polibio, XXXVII 16; Tito Livio, XLV 42), Perseo, dopo aver subito il trionfo a Roma, venne deportato ad Alba Fucens, dove sarebbe morto due anni dopo. Sempre Tito Livio ci tramanda l'aneddoto secondo il quale alle domande del console Paolo Emilio che chiedeva al re sconfitto, pubblicamente, cosa l'avesse spinto al conflitto, Perseo rimanesse in silenzio piangendo. Nel giugno 2005 la tomba di Perseo è stata scoperta lungo la Via Valeria vicino a Magliano de' Marsi, da una spedizione formata da una delegazione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e da una spedizione di archeologi macedoni.

Tratto da wikipedia, l'enciclopedia libera

La Tomba monumentale di Perseo ad Alba Fucens

Avezzano (L'Aquila) - Nei giorni scorsi una Commissione composta da rappresentanti del ministero dei Beni culturali, dell'Ambasciatore macedone e da studiosi macedoni, ha effettuato un sopralluogo, atteso da anni, presso la tomba monumentale del re Perseo, ultimo re dei macedoni sepolto lungo la via Valeria nei pressi del territorio di Magliano de' Marsi (L'Aquila), come e' indicato nella tavoletta II SE del Foglio 145 dell'Istituto Geomilitare. L'Amministrazione di Magliano in collaborazione con il comune di Massa D'albe ha provveduto a ripulire il gioiello archeologico dalle sterpaglie che ne occultavano la vista e pregiudicavano seriamente la struttura. I delegati macedoni daranno vita ad una serie di scambi culturali iniziando una serie di studi incentrati sulla figura del loro re Perseo ospitato negli ultimi quattro anni in Alba Fucens città che alla morte gli ha tributato solenni funerali di Stato. La tomba di Perseo dunque e' ubicata lungo l'antica via Valeria che da Tivoli conduceva ad Alba. Gli ospiti intervenuti hanno manifestato il fermo proposito di provvedere, attraverso studi capillari, a risolvere i numerosi dubbi che tuttora permangono sulla figura del re Macedone e a valorizzare adeguatamente il prestigioso sito archeologico.

Tratto da http://www.antikitera.net/

01-monumento-perseo.jpeg

02-monumento-perseo.jpeg 03-monumento-perseo.jpeg 04-monumento-perseo.jpeg


https://maps.google.it/