1337: inventario dei beni del Castello di Turano

Il 27 agosto 1337 il notaio Barnabas Pascalis di Turano redige l'Inventario dei beni mobili ed immobili semoventi etc. del castello di Turano, fatto per ordine di Tommaso da Salerno, ciambellano e vicario della contea d'Alba in Abruzzo, come da lettera diretta a Matteo di Nicola e Pietro di Biagio e Nicola suo fratello. Si ordina che siano fatte due copie del suddetto inventario e che una sia spedita alla corte di Alba.