1484: Francesca Orsini e Giovan Giordano suo figlio, conti di Albe e Tagliacozzo, baroni di Corvaro, giurano fedeltà a Ferdinando re di Sicilia

L'1 agosto del 1484 il notaio Petrus Pasqualis de Otre de Aquila registra il giuramento di omaggio e fedeltà emesso da Francesca, moglie di Gentile Virginio Orsini, conte di Tagliacozzo ed Albe, e da Giovan Giordano suo figlio, quali procuratori dello stesso Gentile innanzi a Garzia di Bethel, commissario deputato da Ferdinando re di Sicilia. Nell'atto è riportato anche il giuramento prestato dai sindaci e massari di Avezzano, Magliano, Rosciolo, S. Anatolia, Luco, Canistro, Civita d'Antino e Corbaro, luoghi del ducato di Tagliacozzo ed Albe: "Ac etiam Nicoluas Francisci et Ciccus Mathei de alba, massarii, sindici et procuratores universitatis et populi ac hominum dicte terre Albe. Antonutius Nelli et dominus Gulielmus de Avezano, massarii, sindici et procuratores universitatis et hominum ipsius terre Avezani. Benedictus Marius Petris Terriblis, Angelus Marci et Antonius Jannis de Maleano sindaci et procuratores universitatis et hominum supradictae terrae Maleani. Martinus Pasqualis et Nicolaus Galassi de Rosiolo, massarii, sindici et procuratores universitatis et hominum predicte terre Rosioli. Pasqualis Jannitelle et Amicus Sconchiali de Sancta Anatholia, massarii, sindici et procuratores universitatis et hominum eiusdem terre Sanctae Anatolie. Vincentius Cicchi et Antonius Simali de Luci, massarii, sindici et procuratores universitatis et hominum supradicte terre Luci. Jannitella de Transaquis, massarius, sindicus et procurator universitatis et hominum predicte terre Transquarum. Butius Mancinus et Antonius Ferrotius de Canistro, massarii, sindici et procuratores universitatis et hominum eiusdem terre Canistri. Angelus Philippi de civitate Antina, massarius, sindicus et procurator universitatis et hominum eiusdem terre civitatis Antine. Lutius Ranerii et Jannutius Crassi de Cappellis, massarii, sindici et procuratores universitatis et hominum eiusdem terre Cappellarum ac universitatis et hominum eiusdem, et Julianus Marini de Corbario, massarius, sindicus et procurator universitatis et hominum eiusdem terre Corbarii electi ones, assumpti et deputati a supradictis universitatibusetc.". I quali prestato l'atto di sudditanza e vassallaggio promettono anch'essi di mantenere sempre e difendere i diritti del Regno. Prestano poi il medesimo atto di giuramento alla sopraddetta Francesca Orsini ed a Giovanni Giordano, procuratori come sopra, nonché agli eredi e successori nella contea di Tagliacozzo ed Albe. Di quest'atto furono fatte tre copie secondo il r. descritto: una cioè per il conte Virginio e suoi, l'altra per tutte le sopraddette communità e la terza copia per la r. Curia. Atto fatto in Albe "in domo haeredum Petri Antonutiis de dicta terra Albe. Petrus Pasqualis de Ocre de Aquila notar.