1703: don Tommaso Antonio Luce viene nominato canonico di S. Maria di Corvaro

Il vescovo di Sulmona e Valva Bonaventura Martinelli, con bolla del 30 novembre 1703, nomina don Tommaso Antonio Luce canonico della Cappella di S. Maria di Corvaro, beneficio di jus patronato dell'eccellentissimo Signore Filippo Colonna Gioeni. La nomina avviene per morte del precedente canonico don Vennilio Cordeschi.

[Pag. 454] "Bonaventura Episcopus Sulmoni Viues [Ailius] Matinus. Dilecto nobis in Christo Clerico Thoma Antonio di Luce de Castro S. Anatolie Reatine Diocesi Saluxm in Domino sempiternam Vita ac morum honestas, aliaq laudabilia vero probitaty, et virtutum merita, quibi apud nos fide digno commendaris testimonio nos inducunt ut tibi reddamus ad gratiam liberales. Cum itaque sint averimus vacaverit, et vacet ad present simplex beneficium Canonicatus, et praebenda nuncupatis in Collegiata Ecclesia S. Maria terre Corbarij eiusdem Diocesij per obitum Vennily Cordeschi illius ultimi Rectoris Canonici nuncupati di Iure patronatus Illustrissimi, et excellentissimi Domini Philippi Columni Gioeni magni Comitis stabilij Regni Neapolitani divicti D. et Provi d.a terre Corbarij Iug. à dicto Excellentissimo Domino Comiti Stabili ad did nominatus, et presentatus, ac premio examine de te per nos facto habilis, et idoneus repertus fuerit. Quamobrem volentes permissorum meritorum tuorum intuitu favori te prosequi gratioso, et [iduito dichem] simplex Beneficium Canonicatus [Pag. 454 b] nuncupatus nam omnibus, et singulis illius iuribus, inembris, et pertinentijs universis, di honoribus, et oneribus [Auth...] nostra Ordinaria nam plenitudine iuris Canonici tibi Conferimus, et per [patrinam benedictum] [...] de illo ti providemus. Mandantes propterea omnibus, et singulis R. R. D. D. Abbatibus, Archipresbiteris, Plebanis, Curatis, Presbiteris, et Clericis, nic non Notarijs, et Tabbellionibus quibuscumque per Civitatem, et Dioecisim Reatinam quam ubilibet constitutis, quatenus his visis [vistus] S. Obbedientis dobeatis, et qui [libra] vestrum debiat d.tti Clericum Thomam Antonius Luce, sine illius [Prorem] idoneum in nevam realem actualem, et corporalem possessionem predictum Canonicatus, et Prebenda cum omnibus, et singulis illorum fuitus, membris, et pertinentijs unicus [...] immisisse , [indurisse, et impornisse], immisumque, et indvenimo manutenisse, et conservaste, eu [...] redditibus, et proventibus eorumdem canonicatus, et prebenda debitis temporibus [...], ea plenarie resporevi fuisse et presentibus [nobis] omnium [pamiste], [...] ex illis quolibet illius designant.

[Pag. 455] "Die 30 9mbris 17032. Presentes, et personalis confas coram me notario et Canc.rio et refaig... D. Corans Antonius de Luce de Castro S. Anatolia, clericus Francescus Antonius de Riccis de terra Corbarij mihis agniti, qui med.mi e atto stati sunt proveritate, us infra vidalicet.

Noi semo a pieno informati che tutti, a singoli Beneficij, anche con cura d'Anime Canonicati et altri di qualsivoglia sorte, e specie esistenti nella terra, e territorij del Corvaro, Spedino, e S. Natoglia Diocesi di questa Città e spettanti al proprio dominio alla Ecc.mo Sig. Contestabile Colonna sono da Iure Patronatu di d.a Casa, e Contestabile, e tutti sono stati sempre conferiti, benchè siano Abbadia Arcipretati Can. e simili a presentazione, e provvideazione dell'Ecc.mo Sig. Contestabile Colonna, tanto presentem, quanto per il passato da Contestabili Antenati, et il Canonicato vacante nella Chiesa Collegiata di S. Maria del Corvaro al quale è stato presentato, e nominato dal suddetto Sig. Contestabile il Clerico Tomasso Antonio Luce di S. Natoglia era per prima posseduto da D. Vennilio Cordeschi di Lucolo che parimenti l'ottenne a presentazione, dell'ecc.mo S. Contestabile di quel tempo, [Pag. 455 b] e tutto cio noi lo sapemo benissimo Come Paesani, e per chè Cosa publica, e notoria in tutti li luoghi delle nostre parti. Qui restis in fidem [sesa] sub [...psenent] eius popula nomi omnis. Io D. Ant.o Ant.o de Luce ho deposto come sopra. Io Fran.co Ant.o Ricci ho deposto à questo [...]

Eadem Die. Coram Illustrissimo et Reverendissimo Domino vicario Apostolico [mags] in Palatio Episcopali Comp. suptus Clericus Thomas Antonius di Luce, et ad docends Ipsum fuisse presentatem ad Illustrissimo et Excellentissimo Domino Comite Stabile Columna ad Simplex Beneficius Canonicatus et Prebenda nuncupatur et Collegiata Ecclesia S. Marie de Corbario facto repag. et reproduxit presentatione impressam, et subscriptam tenoris E, ac ponimodo ad docensem Simplex Beneficius efra da Juri Patronatus Domus et [...] de Columna facto repeas, et reproduxit posiziones refarem desuper examinates quibus fr frantibs De Clenrus petyt eo in statis domimo Can. ad presentatimen ut supra nam omnib illis [Pag. 456 bianca] [Pag. 458] [frerib] sibi conferm, et assignavi, ac Civitas Colleatanis, et provisimis huor ad edus [...] nam [...] de [immittendo] in forma [deremos] et [ralanans] et [decti] omnib. [Excellentissimo] Super Illustrissimus et Reverendissimus Dominus vicarius Apostolicus [...] visis [eudoris] [statio] et [decrivit] super excellentissimus D. Comitam Stablem Columna manutanense Iure, et essa in possona, seu quasi putandi Canc. ad supam Can.us, et propta illum ad presentatem vosa conferad che supto Clerico Infa per contulit et epugnavit, et Cosseras Collarnis, et provesimus tuor inf.a docrenit, et relamovit cum mto de Immissando non solum E fad onnis. Bon.a Epus Salm. Vicarius Apostolicus.

[Pag. 457]

FILIPPO COLONNA GIOIENI PRENCIPE ROMANO,
Duca, e Prencipe di Paliano, Duca di Marino, di Tagliacozzo, de' Marsi, del Corvaro, Prencipe di Sonnino, e Castiglione, Marchese di Cave, della Atessa, e di Giuliana,
Conte di Ceccano, di Rhegio, d'Albe di Chiusa, e Manopello, Barone di Carsoli, della Valle di Roveto, di Val Corrente, dell'Oliviero, di Caltamauro, della Città d'Aydone,
del Burgio, di Monteallegro, della Contessa, di Cerro, della Nobara, di Plaisano, S. Caterina etc,
GRAN CONTESTABILE DEL REGNO DI NAPOLI, GRANDE DI SPAGNA DI PRIMA CLASSE, E CAVALIER DEL TOSON D'ORO.

Avendo havuta notitia, che per morte di D. Vennilio Cordeschi vachi un Benefitio, o sia Canonicato di Santa Maria della nostra Terra del Corvaro antico Juspatronato della nostra Casa, per ciò informati delle buone qualità, e sufficienza del chierico Tomaso Antonio Luce da Sant'Anatoglia nostra Terra, in virtù della presente, et in vigore di detto nostro Juspatronato lo nominiamo, e presentiamo in detto Benefitio, ò Canonicato à Monsignor Illustrissimo Vescovo di Rieti, suo Vicario Generale, ò altri ò chi spetta, pregandolo, che quando lo trovi idoneo secondo la disposizione del Sacro Concilio di Trento, glie ne spedisca le Bolle dell'Instituzione, col fare in esse espressa mentione di detto nostro Iuspatronato, che oltre al giusto ce ne farà piacere accettissimo. In fede. Dato in Roma dal nostro Palazzo ò SS. Apostoli li 27 giugno 1703.
Filippo Colonna.
Registrata in Ared.o à fog. 151 de Spedit.ni

Gio. B.a de Federici Ared.tus.

 

=========== DOCUMENTO DA TRASCRIVERE MEGLIO E TRADURRE ===========

  • Documento presso: Archivio della diocesi di Rieti - Bullarium 1693-1706 - Pag.454 e segg.