Borgorose vince le Cartoniadi

Corriere di Rieti del 23 dicembre 2015 - Articolo di Francesca Sammarco

Il campionato della raccolta differenziata di carta e cartone lanciato dal Comieco

BORGOROSE - Il Comune di Borgorose è campione del riciclo e vince le Cartoniadi 2015, il campionato della raccolta differenziata di carta e cartone, lanciato dal Comieco (Consorzio nazionale recupero e riciclo degli imballaggi a base cellulosica) e Regione Lazio. La gara si è conclusa il 30 novembre e ha registrato un aumento della raccolta differenziata del 17,5 per cento, con un incremento totale di 150 tonnellate. Borgorose si aggiudica il primo premio di 50 mila euro, Ladispoli il secondo premio di 30 mila euro, Terracina il terzo premio di 20 mila euro. Soddisfatta e orgogliosa l'amministrazione comunale: "Abbiamo superato comuni più grandi e organizzati ottenendo un risultato che fino a qualche anno fa era impensabile - dichiara il sindaxco Mariano Calisse, che ringrazia tutti i cittadini - Il premio sarà un'opera pubblica che realizzeremo tra pochi mesi destinata alla riqualificazione di Piazza San Nicola a Santa Anatolia. I 50 mila euro consentono così di mantenere la promessa, che Calisse fece in occasione della cerimonia di commemorazione per il centenario del terremoto di Avezzano, proprio davanti alla chiesa di San Nicola, dove è stata scoperta la lapide per le vittime del terremoto lo scorso gennaio. Il comune di Borgorose ha gareggiato con 13 comuni: Ladispoli, Alatri, Aprilia, Ardea, Cassino, Formia, Latina, Nettuno, Rieti, Terracina, Unione dei Comuni Bassa Sabina, Vetralla. La sfida ha coinvolto famiglie, scuole, esercizi commerciali. I premi in palio sono stati messi a disposizione dalla Regione Lazio. L'andamento della raccolta differenziata di carta e cartone nei Comuni in gara sarà ancora monitorato da dicembre a febbraio e il Comune che avrà mantenuto un incremento di almeno +3% rispetto al dato di partenza (dato medio dei tre mesi), si aggiudicherà un ulteriore premio di 5 mila euro messo a disposizione da Comieco. Francesca Sammarco.